Rischio di Credito

Il rischio di credito è il problema che tutte le banche e le societá finanziarie devono affrontare quando un soggetto chiede l'apertura di una linea di credito.
Il cosiddetto credit score, che è il parametro in base al quale la nostra richiesta di credito verrá rifiutata o accettata, è calcolato sulla base di diversi fattori presenti nel report finanziario a nostro nome.

E' bene precisare che è impossibile misurare l'esatto impatto di ogni singolo fattore nel proprio report finanziario per ogni singola persona.
Ci sono dei parametri che hanno uno stesso peso per tutti.
E' ovvio per esempio che il ritardo nei pagamenti abbasserá il punteggio di tutti coloro che ricevono un credito, mentre effettuando i pagamenti in tempo si aumenterá tale punteggio.
Al contrario, persone che non hanno utilizzato credito per un lungo periodo saranno trattate differentemente rispetto a quelle con una storia di credito più lunga.

Il punteggio di credito è quindi calcolato in modo matematico nel nostro rapporto di credito, tuttavia, i creditori guarderanno molte altre cose quando si troveranno ad effettuare la decisione di affrontare il rischio di far credito: reddito, tempo trascorso nell'attuale lavoro, tipo di credito che si richiede, sono alcuni dei punti chiave.

Esaminiamo brevemente a scopo informativo alcuni parametri.

Cronologia dei pagamenti (sembra che la decisione di aprire o no una linea di credito a un nuovo cliente dipenda per il 35% da questo parametro).
La prima cosa che qualsiasi creditore vuole sapere è se abbiamo pagato tutti i nostri debiti nel passato. Questo è uno dei fattori più importanti in un credit score.


Debiti (la decisione di offrirti un credito puó essere influenzata al 30 % sulla base di questo parametro).
Avere altri debiti non significa necessariamente essere un cliente ad alto rischio. Anzi, tra due possibili clienti, il primo sconosciuto a banche e istituti creditizi, il secondo con un piccolo mutuo, una finanziaria sceglierá il secondo!

Lunghezza della storia di credito.
In generale, una lunga storia di credito puó aiutare ad ottenere una nuova apertura di credito, anche se le persone che non hanno utilizzato il credito per lungo tempo possono avere un alto livello di rischio di credito, a seconda di come si presenta il resto del rapporto di credito.

Il nostro credit score puó tener conto di altri importanti parametri, come il tempo durante il quale alcuni rapporti di credito persistono, l'età del nostro rapporto di credito più vecchio, l'età del piú recente e l'età media di tutti i nostri rapporti creditizi.

Tipo di credito in uso.
Questo parametro prende in considerazione il mix di carte di credito possedute, le linee di credito, i prestiti rateali, gli eventuali mutui.

Nuovo credito.
Nonostante il fatto di presentare una situazione finanziaria giá gravata da altri debiti non sia considerato come un fattore di rischio per le finanziarie, l'effettiva apertura di diverse linee di credito in un breve periodo di tempo rappresenta un fatto importante e negativo per le finanziarie, soprattutto per le persone che non hanno una lunga storia di credito.

A questo punto risulta ben chiaro che effettuare un check-in del nostro rapporto di credito è assolutamente necessario per avere un quadro completo della nostra storia creditizia e per sapere come l'eventuale finanziatore ci vede.
Il report si puó effettuare benissimo online, tramite alcune agenzie specializzate che in poco tempo ci faranno visualizzare il nostro file.

Nel caso che il report dovesse presentare discrepanze con la nostra situazione finanziaria è importantissimo farlo correggere prima di effettuare richiesta di un qualsiasi credito, tramite gli opportuni procedimenti.
Regolarizzare o correggere la nostra posizione in questi report è di vitale importanza, in quanto un'informazione sbagliata o vecchia potrebbe influire in maniera negativa sull'ottenimento del credito.

Ci riferiamo soprattutto a tutte quelle persone che per vari motivi abbiano il proprio nome iscritto nel registro informatico dei cosiddetti Protestati.
Molte di esse non sanno nemmeno di essere iscritte nel regsitro e potrebbero vedersi rifiutare una richiesta di prestito senza nemmeno sapere il perché.
Consigliamo perció di controllare periodicamente la propria posizione creditizia tramite report finanziario e provvedere all'eventuale cancellazione dal Registro Informatico dei protestati.
La domanda va presentata al Presidente della Camera di Commercio competente per territorio, allegando il titolo quietanziato e l'atto di protesto.
Il Presidente deve rispondere entro 20 giorni ed entro 5 giorni dalla decisione deve disporre la cancellazione, sempre che la situazione debitoria sia stata sanata.

DISCLAIMER




Chi Siamo

Rischio di Credito

Contattaci


©2016 CREDITLANDIA .IT – Tutti i diritti riservati - Privacy Policy